Parakallesurity ty mbromesy

Zhot, tire sheh teku rreeva:

udha e gkillate ishe,

dderaty tonde ty ngkusta, si o i shkruary.

Si ti ddeshe, shtupin ure llasta,

mora trastyrin e bboora i rraddeeres.

Si tire ddeshe, kapyrzeva

ure malle e llumera, dhezha           

llufte i malekuar e i bbekuary,

esul vyrteteie, folla

gkilluhe ty huaca, me ty huaca horiis.

Ure i huacy basky me ty timaty,

ure njy i vetem vet me shuum veta,           

ure kjerkj i aary, po dhe pasikjiry

i tic y ndirroon te fllamur lliver.   

Nan y fllamuri u vuu                     

mbi ukkaty e mallevet teku           

hipurry ty tatera timy

e eera e mbromesy timy friiny,

Zhot, killoft tic trar kit fllamur.       

Llem ty ty llus, u y kakjy fllamura ulla,

lleem ty ty llus, u y nyngk munda ty llutija

ka vie pa ty dimurame.

Shih, gkilluha y nyngky zhgkillidhec,     

si gkilluha e Zahariut ty pa beesy,

zhgkillidhet (sa ty thirret, o i llart,    

o i shehury, o i pa killuamy,

me fiallat ty ddekura e tateravet,   

uj ty bbekuar ty sprishury    

mbi kartavet time ty thata)

 

Signore, tu vedi dove sono arrivato:

la strada era lunga,

le tue porte strette, com scritto.

Come tu hai voluto, la casa ho lasciato,

ho preso la bisaccia e sono divenuto un pellegrino

Come tu hai voluto, ho valicato

montagne e fiumi, ho acceso

dispute, maledetto e benedetto,

assetato di verit, ho parlato

lingue straniere, con cittadini stranieri.

Io straniero in mezzo ai miei,

io un solitario, solo in mezzo a tanta gente

io un vaso rotto, ma immagine

di Te che muti in bandiera uno straccio.

Adesso che la bandiera ho issato

sulla cima dei monti dove

sono saliti i miei avi

e spira il vento della mia sera,

Signore, sia issata a te questa bandiera.

Lascia chio ti preghi, io che tante bandiere ho ammainato,

Lascia chio ti preghi, io che non ho saputo pregarti

da anni, da innumerevoli anni.

Vedi, la mia lingua che non si scioglieva

come la lingua di Zaccaria, senza fede,

si scioglie( per invocarTi, o Altissimo,

o misterioso, o ineffabile,

con le parole morte degli avi,

acqua benedetta aspersa

sulle mie aride carte).

 

home